IPhone 6s Plus

IPhone 6s Plus: la recensione di Cellularemagazine.it

Quando Apple lancia un nuovo smartphone l’attenzione di tutti gli appassionati e degli addetti ai lavori viene focalizzata su quanto propone ed è in grado di offrire. Dal punto di vista estetico non è che la casa di Cupertino si sia proprio sforzata, visto che come da tradizione i modelli con la “s” si discostano ben poco da quelli che li hanno preceduti. Il nuovo iPhone 6s Plus, nonostante questo, conquista fin dal primo tocco, per merito del 3D Touch. La rivoluzione del touchscreen arriva attraverso una serie di comandi guidati dalla pressione che aggiungono una nuova esperienza a iOS ed esaltano l’utilizzo del sistema operativo. Bastano pochi minuti per padroneggiare con destrezza la declinazione di Apple del force touch: un tocco più forte sulle icone per ottenere le opzioni più utilizzate o quelle più utili; uno tradizionale per operare come sempre. Alla resa dei conti si tratta di un approccio semplice per una tecnologia complessa ma resa intuitiva, anzi, per meglio dire, “naturale”. Così l’iPhone 6s Plus conquista fin da subito.

Proseguendo, le dimensioni non cambiano, iPhone 6s Plus riprone un display da 5.5 pollici ma cambia proprio dove non si vede. La Cpu A9 mantiene sempre un’architettura dual core a 64 bit, solo la frequenza passa da 1,4 a 1,84 GHz e la Ram è raddoppiata, passando da 1 a 2 GB. Nei test che abbiamo condotto con Antutu e Basemark OS II abbiamo misurato un incremento dal 20% al 60% che poi si declina all’atto pratico, con app sempre reattive e rispondenti. Come da tradizione di Apple, il cellulare non prevede la possibilità di ampliare la memoria di storage, perciò dovrete accontentarvi di quella integrata, disponibile in tre tagli diversi: 16, 64 o 128 GB (l’oggetto della nostra prova).

Confezione, design e qualità costruttiva

L’iPhone 6s Plus ricalca il design del modello precedente, tanto che è solo una “s” disegnata sul dorso in basso a distinguerlo dalla “vecchia” generazione di Apple. Se l’estetica è rimasta immutata non altrettanto si può dire della scocca che è stata decisamente rinforzata utilizzando una lega di alluminio e un vetro che si propongono come i più resistenti sulla piazza.

Display

Invariate sia la diagonale di 5,5 pollici e la risoluzione Full HD, tuttavia risulta leggermente superiore rispetto al Plus precedente per resa cromatica e luminosità. Lo schermo Retina è perfetto dunque sia per la riproduzione multimediale sia per la visualizzazione di scritte e documenti. Il 3D Touch aggiunge quel tocco in più ed è la vera grande novità.

Fotocamera

Uno degli aspetti su cui è intervenuta Apple è l’imaging, portando il sensore da 8 a 12 Megapixel. Questo innalzamento della risoluzione permette ora di girare video in 4K (3.840×2.160 pixel) e di scattare foto con un superiore livello di dettaglio. Nella prova pratica, le foto piacciono ma non esaltano, a causa della presenza di un po’ troppo rumore digitale.

Audio e ricezione

Apple raramente ha deluso da questo punto di vista e il nuovo 6s Plus non fa eccezione. La componente multimediale è ulteriormente valorizzata da un audio corposo anche nell’ascolto tramite l’altoparlante di sistema. Per la musica il consiglio è quello di abbinare degli auricolari migliori di quelli presenti in confezione. Impeccabile la capsula durante le conversazioni.

Batteria

Il punto debole del nuovo iPhone 6S Plus. Mettetevi nell’ordine di idee di doverlo ricaricare già verso la fine della giornata…

Prestazioni

Diamo due dati su tutti: circa 59mila punti in Antutu e oltre 2.600 in Basemark OS II. I freddi numeri valgono più di mille parole perché danno il polso di uno smartphone al quale è possibile chiedere letteralmente di tutto, sia per il lavoro sia per lo svago. L’iPhone 6s Plus nell’utilizzo di tutti i giorni non rallenta mai e regala grandi soddisfazioni, anche in virtù del nuovo iOS 9.1.

Il giudizio di Cellulare Magazine

Uno dei più importanti smartphone attualmente sul mercato e l’ennesima dimostrazione di come Apple sia sempre in grado di aggiungere qualcosa di interessante (leggi il 3D Touch) e di solleticare il palato degli utenti. Certo, il prezzo è tra i più alti, tuttavia la qualità e le prestazioni sono al top. Acquistarlo in un solo investimento è impegnativo. Con l’operatore è un “must have”.

PRO

  • Il 3D Touch assicura un’esperienza impareggiabile
  • Prestazioni elevate
  • Alta qualità costruttiva.
  • Integrazione tra hardware
    e sistema operativo

CONTRO

  • Pesante e massiccio
  • Autonomia al minimo sindacale
  • Alcune applicazioni occupano molta memoria

8 Voto Finale
(Visited 226 times, 1 visits today)