Ragazzo 16 anni hackera Apple

Un 16enne ha hackerato i server Apple per oltre 1 anno

Uno studente 16enne di Melbourne ha hackerato i server di Apple per oltre un anno. Ora dovrà rispondere delle accuse cybercrimine dopo che il colosso tecnologico di Cupertino ha contattato l’FBI per segnalarne l’hack.

Il ragazzino australiano ha ripetutamente hackerato i server di Apple dalla sua casa di periferia proclamandosi il più grande fan della compagnia e pensando di non fare nulla di male. Durante tutto il periodo, avrebbe scaricato circa 90 GB di file sicuri, incluse chiavi di sicurezza che concedono accesso agli utenti.

Il giovane criminale informatico è stato catturato l’anno scorso dalla Polizia Federale Australiana (AFP) dopo un’incursione in casa. Tutto è rimasto segreto fino ad oggi.

“Sono stati sequestrati due laptop Apple ei numeri seriali corrispondono ai numeri seriali dei dispositivi che hanno effettuato l’accesso ai sistemi interni”, ha detto un pubblico ministero. “Sono stati sequestrati anche un telefono cellulare e un disco rigido, l’indirizzo IP corrisponde alle intrusioni nell’organizzazione”.

Durante il sequestro, la polizia federale australiana ha scoperto una serie di file di hacking e il software che permetteva di accedere ripetutamente ai server di Apple, tutti archiviati, non in modo così sicuro, in una cartella non cifrata intitolata “hacking hack hack”.

Come spesso accade, l’adolescente ha condiviso il suo hacking ad altri colleghi tramite WhatsApp. I motivi? Il ragazzo ha rivelato alla polizia di avere hackerato Apple perché “sognava” di lavorare per un gigante della tecnologia. La sua condanna è prevista per il prossimo mese.

Apple ha rilasciato una dichiarazione alla stampa che assicura ai propri clienti che nessun dato personale è stato compreso nell’hack. “Vogliamo assicurare ai nostri clienti che in nessun caso durante questo incidente i loro dati personali sono stati compromessi”, ha detto un portavoce di Apple a Reuters.